Informativa
Questo sito utilizza i cookie per offrirti un servizio migliore.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

370 1329174

Come posso sapere se mio figlio è un bullo?

I genitori di un ragazzo che ha commesso atti di bullismo vengono di solito messi al corrente della situazione da un insegnante o dalla direzione scolastica. Tuttavia, genitori attenti possono essere in grado di rilevare alcuni segnali indicatori di tale problematica già prima di esserne informati dai responsabili della scuola, ovvero prima che vengano presi provvedimenti disciplinari nei confronti del loro figlio.

L'elenco di comportamenti e caratteristiche che forniamo di seguito dovrebbe metterci doppiamente in allarme: anzitutto perchè tali comportamenti danneggiano chi si trova costretto a subirli; in secondo luogo, perchè essi rappresentano altrettanti segnali, nei giovani che li mettono in pratica, di una sofferenza che può essere a fior di pelle ma anche ben nascosta sotto una spessa corazza.

Il giovane bullo

  • Non rispetta l'autorità.
  • Ostenta superiorità nei confronti degli altri.
  • Tende a svalorizzare le altre persone.
  • Non mostra considerazione per i sentimenti altrui, non manifesta compassione.
  • Non rispetta gli altri.
  • Rimane indifferente di fronte alle manifestazioni di violenza, o addirittura le trova divertenti.
  • Si dimostra insensibile e crudele verso gli animali.
  • Ha una certa tendenza alla menzogna.
  • Non riconosce le proprie responsabilità, tende ad attribuire sempre le colpe agli altri, non si sente mai in torto.
  • Tende a percepire ostilità da parte degli altri.
  • Utilizza la collera per esprimersi.
  • Sembra depresso, manifesta idee suicide.
  • È demotivato verso la scuola e ha un calo di rendimento scolastico.
  • Abbandona gli studi.
  • Sembra non provare paura.
  • Possiede oggetti o denaro di cui non si riesce a stabilire la provenienza.
  • Mostra interesse per l'uso di internet ma cerca di dissimulare le proprie attività in rete.

 

(F. Saint-Pierre, Bambini e bullismo)

 

Torna alla Biblioteca

 

Vuoi ricevere la nostra Newsletter?